Note Legali

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. QUINDI tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il mio permesso o dei rispettivi autori dei commenti, pena denuncia alla Polizia Postale.

09 agosto, 2005

In punta di piedi....



Oggi... in punta di piedi... comincerò a raccontare qualcosa di questo meraviglioso mondo che è la Riflessologia plantare. Si, perchè oltre ad essere un punto di appoggio, la punta dei piedi rappresenta la testa e ... si sa quanto questa sia importante. Camminare in punta di piedi ... un segnale di discrezionalità o un gesto gentile di attenzione... per non far rumore insomma.

Paradossalmente osservando la Vs. punta dei piedi 'vedo' il rumore che c'è in quella testa a cui appartengono quei piedi.... basta così.


Un bacio

4 commenti:

Elena ha detto...

Complimenti Maria Pia,sono avida di leggere ancora i tuoi post.
Quante volte , le tue sapienti mani hanno agito sui miei piedi, e non solo ,ridandomi un equilibrio che spesso vaccillava.Ti voglio tanto bene!!!
Elena

Maria Pia ha detto...

Li leggerai..credimi...sei una persona straordinaria..ed io un tramite...tra te e "il piede"
tvb anch'io..

explorer32 ha detto...

Ciao,
ogni pagina di questo blog offre spunti interessantissimi....
Curioso il fatto che un organo cosi importante come la testa, sia stato messo proprio li, nella punta dei piedi.... Naturalmente non x caso, anzi...ricordo di aver letto su un libro "come è in alto, cosi è anche in basso..." aver rispetto di ogni piccola cosa, vuol dire in realtà essere consapevoli che tutto è importante, tutto è parte di unico grande organismo....ogni cosa al suo posto, dentro di noi, fuori di noi, nel mondo, nell'universo....

Grazie ;-)

Elino ha detto...

Oggi...in punta di piedi...entro in questo contesto. Il timore di non avere un punto d'appoggio per chi, salendo vertiginosamente le nude rocce dolomitiche, si ritrova solo in uno sconfinato universo di precarietà, parte sì dalla testa ma, attraverso le mani, raggiunge quelle punte dei piedi a cui affidi la tua esistenza. Sei un tutt'uno, elegante, leggero, attento a dove "metti i piedi", senti l'importanza di un arto, per certi versi bistrattato, sicuramente poco curato, nascosto a sguardi indiscreti. L'equilibrio fisico non ha mai vacillato, quello psichico a volte sì, i piedi non rappresentavano la testa, erano immobili ma facevano rumore, molto. Vuoi vedere che nella mia testa c'era molto rumore? Imparerò a leggerti, a scoprire questo mondo, non lo conosco affatto, a curare la testa attraverso i piedi. Grazie per quello che riesci a trasmettere con semplicità e spontaneità.