Note Legali

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. QUINDI tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il mio permesso o dei rispettivi autori dei commenti, pena denuncia alla Polizia Postale.

15 ottobre, 2006

Ch'i ...o forza vitale...

FINITE LE VACANZE…PARLIAMO DI... ENERGIA!!

Tutta la materia e’ composta di energia, perciò la filosofia olistica considera il corpo umano come un sistema di energia dinamico in continuo stato di trasformazione. Noi tutti siamo un’espressione dell’energia che permea tutti gli organismi viventi. Non si può vedere ad occhio nudo, e per molti risulta difficile accettare questo fenomeno. Ma il fatto che non sia visibile non significa che non esista. Nella medicina cinese, la salute e’ considerata come il risultato armonioso e fluido delle energie ai livelli piu’ sottili. I cinesi definiscono l’energia con il termine ch’i. In Occidente viene chiamata energia vitale. Ch’i e’ un termine molto difficile da definire; una valida descrizione e’ racchiusa nel seguente brano tratto da The secret of the golden flower: a chinese book of life. (Il segreto del fiore d’oro. Un libro cinese della vita) . I cieli crearono l’acqua grazie all’Uno. Questa e’ la vera energia del grande Uno, se l’uomo raggiunge l’Uno diventa vivo se lo perde muore…. L’ uomo muore quando non ha soffio vitale, proprio come i pesci che muoiono se vengono privati dell’acqua .La forza vitale e’ una sorte di energia elettrica, cio’ non significa che sia un potenziale elettrico in senso stretto. Essa regola qualsiasi funzione del corpo e secondo le tradizioni orientali, circola nelle viscere, nella carne e alla fine permea tutte le cellule e i tessuti, seguendo percorsi chiaramente distinti, il suo flusso segue una direzione precisa, con caratteristiche peculiari e ben definite, simili ad altri sistemi di circolazione, per esempio quello del sangue e del sistema vascolare. Il movimento dell’energia deriva dalla relazione tra due campi opposti, cioe’ dalla cosiddetta “polarita’”; nella filosofia cinese essa viene chiamata “yin e yang”. La teoria di yin e yang si basa sul costrutto filosofico di due polarita’ complementari che non rappresentano ne delle forze ne delle entita’ materiali. Rappresentano anche una forma di pensiero secondo cui tutte le cose sono considerate parte di un intero. Non ci sono assoluti, lo yin e lo yang devono racchiudere al loro interno la possibilita’ di opposizione e di cambiamento. Tutte le forme di vita presenti sulla terra sono strettamente connesse ai ritmi e alle leggi naturali dell’universo. La condizione ideale per ognuno di noi e’ quella di vivere in armonia con la natura e con l’ambiente che ci circonda ed e’ compito del riflessologo, che opera seguendo i principi della filosofia olistica, aiutare le persone a raggiungere e a mantenere questo stato di equilibrio.
Mi fermo qui… felice di ritrovarvi…un abbraccio a tutti..Maria Pia

7 commenti:

SOCRATE_313 ha detto...

Ringrazio Maria Pia per queste preziose nozioni di energia. Per quanto mi riguarda, quindi da orientale e poco attento allediscipline e interpretazioni orientali posso aggiungere una cosa. Energia è anche fisica, cinetica, per cui il nostro solo movimento è un modo plausibile per confutare l'esistenza di energia nel nostro corpo. L'enrgia si forma e si consuma, con in una macchina, con gli stessi principi. L'energia fa nascere il pensiero e lo trasforma in azione. C'è molta pratica nel concetto di energia sull'essere umano e talvolta molto tangibile. l'energia si sviluppa dentro di noi e per assurdo, concludendo anche una volta morti, produciamo i fuochi fatui..forma di energia. Davide

105marta ha detto...

Che bello ritrovarti!E giustamente, dopo il relax estivo, si incomincia subito con un argomento serio!Come sempre nei tuoi post, però, gli aspetti tecnici sono trattati con semplicità e esempi e traspare tutto l'amore per la tua professione, passione che riesce sempre a giungere fino a noi lettori..così come quando mi hai massaggiato ho sentito scorrere l'energia dal tuo corpo al mio. Infatti se nulla si crea e nulla si distrugge tutti quanti noi abbiamo bene in mente di come l'energia si trasformi e venga spesa nelle più svariate attività quotidiane che spesso ci stressano a tal punto da lasciarci proprio "senza energia"...
Durante una seduta di riflessologia invece, hai proprio la sensazione di questo fluire di "soffio vitale"..chiaramente non è visibile ad occhio nudo, ma io ne sento nettamente la percezione man mano che le mani scorrono sui piedi e poi su tutto il corpo..infatti dopo un trattamento non solo mi sento più leggera e riposata, ma anche molto più attiva e motivata! è vero l'energia non è visibile, ma le sue manifestazioni sì..provare per credere ;-) Un abbraccio a tutti

Marco ha detto...

Ciao Mapi(non oso scommettere su buon giorno, pomeriggio o sera, visto che non so quando leggerai/leggerete (?!?!?) questo commento). Accidenti, torni (tu) dalle vacanze e mi fai già venire mal di testa.... Innanzitutto.... da super-razionale e scetticissimo nei rispetti di qualsiasi cosa andasse al di fuori della seconda legge di inerzia (Forza = massa per accelerazione), la mia prima seduta di riflessologia è andata benissimo!!!!!! E scusate se sottolineo che è stata (solo) la prima... ok, ma parlavamo del mio mal di testa.
E' una vita (31 anni, ndr) che predico che la natura è tutta in equilibrio. Visibile o meno che esso sia, esiste e nessuno può sottrarvisi.
Recenti teorie - che ho giòà citato alla noia - legano a questo equilibrio anche eventi extra-sensoriali tipo gli incontri che si fanno nel corso della vita, le sensazioni e tutte quelle cose che ognuno di noi sente vagheggiare intorno a sé ma che, spesso per paura di ciò che non si conosce, evita o fa finta di non vedere. Va beh... Non posso che trovare ispirazione in questo tuo nuovo articolo e nei commenti dei nostri amici... e concludo con una citazione da Luciano de Crescenzo, a proposito del "nulla si crea, nulla si distrugge e tutto si trasforma"... che in Fisica si chiama Secondo Principio della Termodinamica.... Beh... si narra che quando Dio scacciò Adamo ed Eva (in aramaico Ish = uomo e Ishà = che viene dall'uomo = donna :-P) dall'Eden disse:"Tu, uomo, lavorerai col tuo sudore. Tu, donna, partorirai con grandi dolori. E Tutti e due sarete perseguitati dal Secondo Principio della Termodinamica". Riflessioni in proposito?

Un bacione

Marco

explorer3200 ha detto...

Ciao Mapy,
sono contentissimo che hai scelto questo argomento per invitarci a discutere, perché non nascondo che il tema dell’energia, cioè dell’Energia, è sicuramente uno dei miei preferiti! Già, scritto con la “E” maiuscola, in segno di rispetto, e di consapevolezza del fatto che l’Energia tutto muove e a Lei si deve ogni cosa … la nascita, la vita, la morte. Possiamo vedere solo alcuni dei Suoi effetti, delle Sue opere, non ne percepiamo direttamente un odore o un sapore….. ma possiamo però “sentirla” affinando la nostra consapevolezza. Già, perché chi è più consapevole dell’Energia ? Quanta saggezza e quanti prodigi risiedono in un solo uomo, in una goccia d’acqua, in un fiore che sboccia… doni e miracoli di cui possiamo disporre ogni giorno, anche se a volte non ce li meritiamo. L’Energia dona senza ricevere nulla in cambio. L’Energia è talmente generosa che ci consente persino di sprecarne tanta in cose inutili, in cose assurde. Perché ci lascia liberi, liberi anche di sbagliare. Per poi essere ancora li per chi vuole rimediare e cambiare. L’Energia è infinita!
L’Energia ci guarisce, risolve, ci chiama a delle scelte coraggiose, ma sempre e solo nel nostro interesse. A volte ci fa soffrire, ci mette davanti molti problemi da affrontare, scomodi e odiosi. Lei sa che ce la possiamo fare, altrimenti non ce li avrebbe messi li. Il cielo, la terra, l’universo intero sono governati da regole intelligenti che ancora oggi non riusciamo per intero a scoprire. Perché sono regole diverse da quelle che l’uomo è abituato a creare per dominare il mondo in cui vive. L’Energia fa in modo che tutto funzioni in armonia ed equilibrio, senza penalizzare niente e nessuno. Ogni cosa una sua funzione e ogni funzione il suo scopo, giusta, saggia, perfetta. Come in un organismo in perfetta salute, tutto è regolato in modo magistrale, ogni funzione ha il suo ritmo, la sua logica, il suo fascino! Eh si, perché quando stiamo bene siamo senza dubbio anche più belli dentro e fuori, come dimostrazione del fatto che il lavoro che fa l’Energia porta sempre bellezza e armonia. Quando l’uomo ci mette mano invece, pensando di intervenire con le sue regole….. beh, combina per lo più solo disastri.
L’Energia non si “vede”. Come tutte le cose importanti del resto. La natura è fatta di cose visibili ed invisibili. La stima approssimata per difetto ad oggi, è il 90 % costituito da ciò che l’uomo non può percepire coi propri sensi. O meglio potrebbe ma non ne è consapevole. Chi di noi riesce a sentire le onde emesse da un cellulare, o da una sostanza radioattiva? Eppure ci passano attraverso e appartengono al nostro stesso mondo. Danneggiano le nostre cellule, e questo è misurabile. Ma non ce ne accorgiamo, appunto, inconsapevolmente. Ma per nostra fortuna l’Energia sa che adesso non possiamo arrivare direttamente alla Sua fonte, ci vorrà forse tanto tempo….. e cosi ci mette a disposizione una miriade di strumenti e di “occasioni” per cominciare ad avvicinarci un po’ a Lei….. Cominciando da noi, dalla nostra vita, dalle nostre scelte, dal voler bene a noi stessi, dal ricordare ogni giorno che portiamo in noi una preziosa scintilla divina che è comunque un dono che l’Energia ci ha fatto!

Credo che tra i numerosi strumenti che l’Energia ci ha donato, la riflessologia si pone in una condizione di primaria importanza, perché esattamente parte integrante di quelle regole e principi che rimettono l’uomo al suo posto, in equilibrio con se stesso e col mondo. Senza dimenticare ancora una volta che la riflessologia è strumento che passa attraverso le mani, l’esperienza e la capacità di chi la sa usare con passione ed efficacia, proprio come vuole l’Energia!

Federica ha detto...

Ciao,Mapi mi piace questo articolo.L'energia vitale invisibile è un concetto universale, comunemente associato a:respiro, caldo, aria e luce solare.Evidenza di una filosofia comune e duratura può essere trovata presso tutte le culture antiche.L'energia della nostra aura proviene da ciò che ci circonda, dalle nostre emozioni e dalle situazioni in cui ci veniamo a trovare, dalle persone che incontriamo e dall'universo stesso.
Tutti questi fattori influiscono sulla struttura, la qualità e la quantità del nostro campo energetico, portandoci da stati di estrema carica ed euforia e benessere, a stati opposti di apatia, stanchezza, debolezza, malessere e malattie..
E quanta energia mi dai ogni volta che mi “tratti”. Un abbraccio Federica

Pit ha detto...

Ciao Mapi,
come vedì l'inerzia delle vacanze estive ha contagiato anche me e mi ritrovo solo ora a commentare questo tuo bel post sull'energia.
Dai tuoi scritti e dall'esperienza personale del trattamento ho appreso che nell'uomo esiste una carica di energia vitale, che scorre continuamente attraverso canali che non si possono vedere ma percepire. L'armonia di questo fluire, se interrotta da ragioni fisiche o psichiche, porta ad un mutamento dell'equilibrio fisiologico e una condizione di disagio dell'organismo.
Riflettendo su questo tema ho capito come la riflessiologia parta da un processo istintivo dell'uomo di ripristinare il flusso regolare di questa energia.
Tutti fin da piccoli abbiamo massaggiato inconsciamente parti del nostro corpo, non da ultimi i piedi, sentendone beneficio.
La riflessologia è dunque una metodologia mirata, una tecnica consapevole di un istinto naturale.
Sono stato tuttavia ancor più colpito dalla seconda parte del post. La teoria di yin e yang e della polarità è se possibile ancor più affascinante. Energia e forza, due concetti a me vicini che qui trovano una connotazione ed una valenza nuova.
Armonia, equilibrio ma anche moto, cambiamento, trasformazione.
Come dice Marco, il principio di conservazione di Lavoisier della seconda metà del '700 "in natura, nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma" ( che credo enunciato ancor più generale del primo principio della termodinamica - principio di conservazione dell'energia -) rappresenta uno dei caposaldi della fisica. Qui abbiamo imparato che per la salute è meglio che questa trasformazione avvenga in armonia.
Pit.

GP ha detto...

Ciao Mapi,
finalmente ho trovato il tempo per lasciare un commento. Da profano quale sono, posso solo complimentarmi per la chiarezza con cui esponi gli argomenti trattati(sono riuscito a capire qualcosa anche io!!). Continuerò a seguire questo blog, sono ancora tanti i dubbi che ho, chissà forse un giorno mi rivolgero' ad un riflessologo! un abbraccio