Note Legali

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. QUINDI tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il mio permesso o dei rispettivi autori dei commenti, pena denuncia alla Polizia Postale.

26 dicembre, 2009

Lode ai nostri piedi!!




Che la mia serenità interiore pervada il cuore di tutti voi miei cari Amici. Auguri di cuore per un Sereno Natale a voi e ai vostri cari.



I nostri piedi sono il mezzo per muoverci, comunicare, giocare, conoscere, apperendere, ma spesso ce ne dimentichiamo. Perché? Perché sono lontani dalla testa. Perché conoscono il suolo, le spine, i serpenti, l'aspro e lo sdrucciolo. Perché sono tutto l'equilibrio. Perché sono la superficie che spetta quando si sta in una folla e si sopporta un gomito altrui in una costola, un braccio sotto il naso, una cartella nell'addome, ma non si permette di calpestarceli. Perché sono il minimo ed inviolabile confinePerché reggono l'intero peso. Perché sanno tenersi su appoggi e appigli minimi. Perché sanno correre sugli scogli e neanche i cavalli lo sanno fare. Perché portano via. Perché sono la parte più prigioniera di un corpo incarcerato. E chi esce dopo molti anni deve imparare di nuovo a camminare in linea retta. Perché sanno saltare, e non è colpa loro se più in alto nello scheletro non ci sono ali. Perché sanno piantarsi nel mezzo delle strade come muli e fare una siepe davanti al cancello di una fabbrica. Perché sanno giocare con la palla e sanno nuotare. Perché per qualche popolo pratico erano unità di misura. Perché quelli di donna facevano friggere i versi di Pushkin. (Onegin, strofa 31). Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante. Perché sanno pregare dondolandosi davanti a un muro o ripiegati indietro da un inginocchiatoio. Perché mai capirò come fanno a correre contando su un appoggio solo. Perché sono allegri e sanno ballare il meraviglioso tango, il croccante tip-tap, la ruffiana tarantella. Perché non sanno accusare e non impugnano armi. Perché sono stati crocefissi. Perché anche quando si vorrebbe assestarli nel sedere di qualcuno, viene scrupolo che il bersaglio non meriti l'appoggio. Perché, come le capre, amano il sale. Perché non hanno fretta di nascere, però poi quando arriva il punto di morire scalciano in nome del corpo contro la morte . Un pensiero ...MaPi

1 commento:

Marta ha detto...

Prima di tutto ricambio con gioia gli auguri (a Mapi e tutti i lettori)di un felice Natale, uno splendido anno nuovo e, per chi può, anche delle meravigliose vacanze riposanti per corpo e spirito!
Poi come sempre mi trovo a dover fare i complimenti per le bellissime parole del post, riescono sempre a meravigliarmi ed emozionare il mio cuore..
è proprio vero che i nostri piedi sono capaci di cose mervagliose..e d'altra parte una delle caratteristiche principali che distingue l'uomo dai nostri antenati primati è proprio il saper camminare in posizione eretta solo su due appoggi!
Quindi rivolgo a tutti l'augurio di non scordarsi mai del peso che portano i nostri piedi..e di camminare sempre sulla retta via ;-)

Auguri sinceri a tutti

Marta