Note Legali

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estensione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. QUINDI tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il mio permesso o dei rispettivi autori dei commenti, pena denuncia alla Polizia Postale.

18 marzo, 2007

Pelle...di pelle

La pelle in riflessologia è lo strato del corpo, associato al movimento.
Può esserci amore… come ovunque dove ci sia ‘azione’…
Metallo: il contatto epidermico è molto stretto e dipende dalla nostra volontà.
Cioè azioni consapevoli.. come il dare e il ricevere.
La pelle oltre ad essere interessata nei processi respiratori, è implicata anche nella sessualità.
Impossibile ignorarla… ma darLe meno importanza purtroppo succede spesso.
Le zone erogene distribuite in tutta la superficie corporea stanno a dimostrare la meravigliosa collaborazione del cervello con la pelle e favoriscono lo sviluppo di una sana sessualità.
La regina dei sensi… mille occhi che vedono, mille orecchie che ascoltano, mille papille che gustano, e… la terribile discriminatrice dominatrice di tutti i nasi….
Se l’odore proveniente dalla secrezione cutanea non è gradito, la tendenza è quella di allontanare chi ci è vicino. I messaggi inoltrati vengono recepiti dal cervello provocando delle reazioni, respingendo o accettando persone dalle quali si è coinvolti.
A pelle… con la pelle ! Pelle di pelle.

Attraverso la pelle, si eliminano liquidi in eccesso... ma non solo. Nei nostri organi c'è una grande saggezza. Ciò che viene eliminato dall'alto ha una stretta relazione con ciò che viene eliminato dal basso. Si elimina verso l'alto ciò che è materiale e palpabile e verso il basso ciò che è più fisico e materiale.




Come in alto così in basso !


Se non eliminiamo (e bene) la nostra mente non sara' mai libera.


L'equilibrio fra dare e ricevere, sia fisico che psichico, dipende sempre da cosa riceviamo, metabolizziamo e sopratutto... eliminiamo. Quanto più una persona ha tendenza a non affrontare i propri problemi, a non volersene liberare, non importa se di cibo, di sudore, degli errori, tanto più avrà difficoltà con la funzionalità respiratoria e quindi la sua pelle ne risentirà.


Grazie a tutti e.... una carezza lunga !

9 commenti:

Marco ha detto...

Ciao Mapi.

Che bello a questo giro sono il primo... Dev'essere il tempo che invece che annunciare primavera saluta l'autunno, ma me lo sentivo così, a pelle.

Allora ricapitoliamo... Cuore, cambiamenti, ancora cuore, sebbene un po' stropicciato e ora la pelle.. Sarà che nell'istinto sta la radice di un po' di sano equilibirio?

Un abbraccio

Marco

30matitecolorate ha detto...

Ciao Mapi..

La pelle è particolarmente sensibile a ogni forma di contatto. L'uomo può distinguere empiricamente sensazioni tattili di diversa natura, come il caldo, il freddo..ma non solo..
Dolce fruscio di pelle con la pelle che scalda il mio corpo con lievi carezze ...
Toccare è far passare l’amore attraverso la pelle…
La pelle ci regala sensazioni ed emozioni uniche, sentire “l’odore” della pelle della persona amata spesso ti fa vibrare….e..mi fermo qui.. bellissima la foto.
Un saluto a tutti e un bacio a te.

alessio42 ha detto...

La pelle..socchiudo gli occhi.. un pensiero mi attraversa la mente..

Fremiti sulla pelle,
tocchi di medusa,
dita di pianista folle.
Un fluire di note:
le tue carezze.
Volevo quella musica,
la volevo senza tregua.
Corde di violino
i miei gemiti vibranti,
striduli, fastidiosi.
Urlavano PRENDIMI,
NON FERMARE LA MUSICA!
Non lasciarmi così,
trova le giuste note
o questa sinfonia d’amore
rimarrà incompiuta.
Fa che le tue mani accarezzino sempre la mia pelle!!

Un abbraccio, Alessio

Vittorio ha detto...

regina dei sensi... l'hai scirtto tu,eppure suona familiare, suona simile a parole mie. Senza nemmeno saperlo, ti parlavo di sensi, di conoscenza che passa attraverso i 5 sensi, di quanto la aneli e mi dici di leggere il tuo ultimo post...regina, di sensi.
inizio a credere nelle vite precedenti...
mah.
buona notte, mia ...pelle

Fabrizio ha detto...

Fare un discorso sulla pelle è difficile. Lo inizi ma ne vieni subito trascinato ed esplodi collegamenti, memorizzazioni potenti allocate dentro te. I ricordi di pelle sono un cataclisma. Connettono tra loro desideri immediati e rafforzano la volontà di rivivere. Al più presto. Si Mapi hai ragione credo anche io che la pelle sia il 'braccio armato' di tutti i sensi. Forse è privilegiato il tatto ma vuoi mettere il gusto, la vista, l'odore e infine sentire il botto che ti provoca dentro e sfogarlo magari con un bel urlo da urlo ? Ah la pelle, che meraviglia ! Si pelle di pelle bellissimo post ! Ciao ! (Ex-lievitooooooo e un saluto a tutti i partecipanti della community)

diamante44 ha detto...

La pelle, cosi esposta e cosi intima. Ci sono tanti modi di dire in cui viene citata .brividi sulla pelle..il sole sulla pelle..amici per la pelle...La pelle riveste tutto il corpo umano..ma quando se ne parla entra in funzione la parte tattile, visiva.. olfattiva (concordo con Fabrizio) io ne parlo cosi..

Sulla pelle
Memoria di rugiada
Profumo
Inebriante
Di sensi dispersi
Smarriti
Travolgenti
Si insinua
E si espande
Nelle narici
Della mente
La invade
E ovunque
La segue
Come segno
Indelebile
Del suo passaggio
Recente passione
Esaltante
Di carne
E spirito
Nelle sinuosità
Del cuore
Che palpita
E vibra
E urla
E vive
Sulla tua pelle..
Sulla mia pelle..

una carezza..

Pit ha detto...

Alla prima lettura del tuo post sono rimasto sorpreso; l'intercalare tra le parti descrittive e quelle suggestive crea un ritmo in cui mi sono lasciato trasportare. Mi son ritrovato alla fine del post con molte sensazioni ma ho dovuto rileggerelo per analizzarlo razionalmente.
Adoro la pelle, si estende su tutto il nostro corpo e ci da emozioni e sensazioni incredibili. Sentiamo con la pelle, il ruvido ed il liscio, il caldo ed il freddo, il vento e l'acqua. A distanza sentiamo anche l'irraggiamento di un "corpo" caldo o freddo. Sono sensazioni oggettive che spesso vengono rielaborate dalla mente. La pelle di due amanti che si sfiora crea sensazioni che vanno ben oltre il semplice contatto.
Mi ha anche fatto riflettere come il respirare della pelle si leghi all'equilibrio psicofisico della persona, al suo equilibrio. Spero proprio che avrai occasione di estendere e ampliare questo discorso in un prossimo post.

Un abbraccio,

Pit.

explorer3200 ha detto...

Come spesso accade per le cose preziose e importanti, ci si dimentica di dare loro la giusta considerazione per il loro significato, la loro funzione e anche per ciò che rappresentano al di là dei luoghi comuni. Quasi si da per scontato che debbano restare un po’ in disparte, fino a quando almeno non sono chiamate in causa nel bene, o nel male. La pelle rappresenta l’ultima frontiera che delimita il nostro interno dal mondo esterno…. Ma solo a livello fisico, anche se basterebbe osservarla con una immaginaria lente di ingrandimento per vedere subito che è un luogo di scambio tra il “dentro” e il “fuori” più che una barriera che serve a dividerci dal mondo….. e dagli altri ! Una strepitosa estensione dei nostri sensi, delle nostre percezioni, fatta per dare e per ricevere, e anche…..per avvertirci. Quante volte la prima impressione riguardo a una persona che incontriamo, un luogo, un cibo o una situazione, ci suggerisce come comportarci proprio dalle sensazioni che abbiamo “a pelle” ? La pelle rispecchia più complessivamente la qualità e anche la quantità della nostra energia…. Ne immagazzina i traumi, le sofferenze, gli incidenti, le cicatrici…. Ma trasmette anche un immagine di noi fedele e onesta, in base al suo colorito, alla sua morbidezza, alle rughe e ai segni, e non ultimo il suo odore o profumo. Spesso mi è capitato di incontrare persone “acide”…. Beh l’acidità del carattere è pienamente trasmessa all’esterno della persona attraverso la sua pelle, che tende ad allontanare chi sta intorno… In pieno accordo col carattere o comunque con il tipo di comportamento che si tiene. Quindi non solo “come in alto cosi in basso” ma anche “come è dentro, cosi è fuori”…

tonia ha detto...

ciao ho provato a registrarmi torno dopo da sola..........capisci mapi??